Saracino Francesco

CRISTO A VENEZIA. Pittura e cristologia nel Rinascimento.

No_image

Note Bibliografiche

In-8 (cm. 24.80), cartonato, con illustrazioni, pagine (8), 430, (2), con illustrazioni in bianco e nero nel testo ed a colori fuori testo. Prima edizione Conservata la fascetta editoriale. In ottimo stato (nice copy). L'immagine di Cristo ha rappresentato uno dei riferimenti essenziali per la costruzione della soggettività dell'uomo occidentale. A partire dal XV secolo i caratteri della sua influenza si modificano radicalmente. Il saggio intende esplorare questa trasformazione epocale a partire dalla figura del Salvatore che i pittori veneziani elaborano tra la fine del Quattrocento e gli inizi del XV secolo e prende in esame le rappresentazioni più importanti, e a volte sconosciute, che gli hanno dedicato artisti quali Antonello da Messina, Giovanni Bellini, Tiziano e tanti altri. Questo studio cerca di applicare al suo oggetto i metodi della storia dell'arte e della cultura, parte da una prospettiva di carattere antropologico per aprirsi, infine, all'interpretazione teologica di un fenomeno non ancora compreso totalmente nella sua profondità.

Costi di spedizione

Costi di spedizione per le spedizioni in Italia

  • Corriere: 4,90
  • Contrassegno: 7,90